noisiriani-op-col

Noi Siriani – Appello del Quilombo Trentino per la Pace in Siria

Come insieme di associazioni sosteniamo l’impegno dell’Associazione Quilombo Trentino e di Operazione Colomba che, con i suoi volontari, dal 2014 vive in un campo profughi nel nord Libano. Da circa un anno, in alcuni campi profughi, è stato avviato un processo dal basso di stesura di una Proposta di Pace per la Siria, documento che porta le voci, i desideri e le richieste dei rifugiati per ciò che riguarda il futuro del loro Paese e i Diritti dei suoi cittadini.

(altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus
migranti-minori

In memoria di Adan, ragazzino disabile curdo-iracheno morto a Bolzano

Riceviamo con le richiesta di diffusione da Vincenzo Passerini, presidente del Cnca del Trentino Alto Adige (Coordinamento nazionale delle Comnunità di accoglienza) questa presa di posizione forte sulla vicenda del piccolo Adan, il ragazzino curdo-iracheno di tredici anni sulla sedia a rotelle morto all’ospedale di Bolzano.

E’ possibile aderire alla petizione promossa da Il Gioco degli Specchi che sarà consegnata  a:

  • Arno Kompatscher Presidente Regione Trentino alto Adige/Süd Tirol
  • Ugo Rossi, Vicepresidente
  • don Lauro Tisi
  • don Ivo Muser

 

 

(altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus
15484_a44346

Raddoppia autorizzazione ad export armi italiane, ma il Governo ne è contento

Rete Disarmo: tendenza che alimenta i conflitti, servirebbe invece più controllo e maggiore responsabilità

Crescono vertiginosamente le autorizzazioni all’export militate italiano: 14,6 miliardi di euro (+85% rispetto al 2015, +452% rispetto al 2014). Il valore delle esportazioni effettive si attesta sui 2,85 miliardi, in linea con il passato, ma gli effetti delle autorizzazioni 2016 si vedranno nei prossimi anni. Pesa la mega-commessa (oltre 7 miliardi) di caccia Eurofighter per il Kuwait, ma tra i principali Paesi destinatari troviamo anche Arabia Saudita, Qatar, Turchia, Pakistan, Angola, Emirati Arabi Uniti. Oltre il 60% delle nostre armi finirà a Paesi fuori da UE e NATO.

Per Rete Disarmo si tratta di una politica insensata e che contribuirà a far crescere i conflitti, in contrasto con le nostre necessità di politica estera, come vorrebbe la legge 185/90

(altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

Il Ceta approvato si può ancora fermare

Il  parlamento europeo ha approvato il  trattato di libero scambio tra Europa e Canada il  #CETA, nonostante la volontà contraria espressa da milioni di cittadini europei. La battaglia per fermare questo nuovo affronto alla democrazia non è finita: il trattato entrerà ora in larga parte in vigore in approvazione provvisoria, ma tra qualche mese, sistemato il testo legale, passerà al vaglio degli Stati.

(altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus
31dic-corradini-2

Fiaccolata e appello per il diritto alla mobilità

31 dicembre 2016Capodanno solidale 

Dopo aver visto insieme la proiezione del film-documentario ‘Io sto con la sposa’ si è tenuta la tradizionale fiaccolata dell’ultimo dell’anno – quest’anno ribattezzata “per l’Accoglienza, la Pace, la Nonviolenza attiva, il Disarmo e contro il terrorismo” – che ha visto la partecipazione di duecento persone che hanno ricordato il record negativo di naufragi nel Mediterraneo.

(altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus
Protesters with a banner make their way in the Italian village of Brenner on the Italian-Austrian border, Sunday, April 3, 2016. Austria's defense minister said his country will deploy soldiers at a key Alpine pass to stop migrants arriving from Italy. Hans Peter Doskozil told German daily Die Welt that the move anticipates a shift in migrant flows from the Turkey-Greece route to the central Mediterranean. In an interview published Saturday, the newspaper quotes Doskozil saying that the military can provide "considerable support to border security" at the Brenner pass.  (ANSA/AP Photo/Kerstin Joensson)

L’attività del Brenner/o Border Monitoring

L’attività del Brenner/o Border Monitoring comprende: presenza, osservazione, intervento in situazioni critiche; orientamento e consulenza legale di base; supporto occasionale a iniziative della società civile rivolte a consegnare aiuti umanitari dal basso (prima che il pubblico-privato aprisse una presenza di supporto umanitario);

documentazione e analisi; report interni inviati agli enti coinvolti o del settore, articoli di sensibilizzazione e di analisi, incontri di (in)formazione e sensibilizzazione rivolti alla cittadinanza, advocacy pubblica; lavoro di rete.

Tratto dall’articolo ‘Corpi Civili di Pace in Italia su migrazione e asilo’

di Sara Ballardini* e Monika Weissensteiner**

(altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus