testata-invito-cena-Mukwege-18.10

Cena solidale con il dottor Denis Mukwege – sabato 18 nov Rovereto

In vista della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne del 25 novembre indetta dall’Assemblea Generale della Nazioni, nell’ambito degli eventi che ospiteranno il dottor Denis Mukwege in Trentino siamo felici di invitarLa alla “Cena Solidale a favore del Panzi Hospital” nel sud Kivu (RD Congo) sabato 18 novembre p.v. ad ore 19:00 presso la sala Cristina della parrocchia della Sacra Famiglia a Rovereto, in piazzale Defrancesco, civico n° 1.

(altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus
noisiriani-op-col

Noi Siriani – Appello del Quilombo Trentino per la Pace in Siria

Come insieme di associazioni sosteniamo l’impegno dell’Associazione Quilombo Trentino e di Operazione Colomba che, con i suoi volontari, dal 2014 vive in un campo profughi nel nord Libano. Da circa un anno, in alcuni campi profughi, è stato avviato un processo dal basso di stesura di una Proposta di Pace per la Siria, documento che porta le voci, i desideri e le richieste dei rifugiati per ciò che riguarda il futuro del loro Paese e i Diritti dei suoi cittadini.

(altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus
Ican-1050x590

Premio Nobel all’ICAN: si rilanci la mobilitazione per il disarmo nucleare e per la ratifica italiana del trattato di proibizione delle armi nucleari

I Disarmisti esigenti salutano con gioia il premio Nobel per la pace assegnato all’International Campaign to Abolish Nuclear Weapons – ICAN, la rete pacifista che è stata l’anima e la coordinatrice della mobilitazione della società civile per l’ottenimento dello storico risultato del Trattato di proibizione delle armi nucleari-TPAN, adottato da una Conferenza ONU lo scorso 7 luglio.

(altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus
ghedi

Zanotelli: ‘Fermiamo i signori della guerra’ – 14 aprile 2017

bomba-moab-001“Trovo vergognosa l’indifferenza con cui noi assistiamo a una “guerra mondiale a pezzetti”, a una carneficina spaventosa come quella in Siria, a un attacco missilistico da parte di Trump contro la base militare di Hayrat in Siria, ora allo sgancio della Super- Bomba GBU-43 (la madre di tutte le bombe) in Afghanistan e a un’incombente minaccia nucleare.”

padre Alex Zanotelli, Napoli, 14 aprile 2017

(altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus
header_trento-difesa-nonviolenta_rovepace

Un’altra difesa è possibile: 21mila cartoline recapitate ai Deputati

Incontro alla Camera dei Deputati con il Presidente della IV Commissione Francesco Saverio Garofani e alcuni deputati firmatari della proposta di legge

Un importante momento di confronto con le istituzioni e la politica, nel quale i rappresentanti delle Reti promotrici di “Un’altra difesa è possibile” hanno chiesto con forza la calendarizzazione della legge per una difesa civile non armata e nonviolenta.

(altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus
header_trento-difesa-nonviolenta_rovepace

Da Trento nuovo slancio per la difesa civile e nonviolenta

Conclusi i lavori degli “Stati generali della difesa civile, non armata e nonviolenta”: due giorni di riflessioni intense ed importanti. Le cartoline di pressione sui Deputati verranno raccolte dalla Campagna “Un’altra difesa è possibile” entro il 30 novembre, in vista di una consegna a Roma nelle prossime settimane. sul sito di Radio Radicale è disponibile e fruibile la registrazione integrale degli Stati generali della Difesa civile non armata e nonviolenta tenuti a Trento il 4 e 5 novembre 2016

(altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus
featured-image-post

No alla guerra in Libia, basta ipocrisia

IL COMITATO DELLE ASS. PER LA PACE DICE
NO ALLA GUERRA IN LIBIA
NO ALLA PRODUZIONE BELLICA ITALIANA
NO ALL’ARRIVO IN ITALIA DI NUOVE ATOMICHE

21431_a42901

LA GUERRA E’ UN AFFARE CHE PRODUCE PROFITTO A POCHI, DISTRUGGENDO LE VITE DEGLI ALTRI, CREANDO CARESTIE, ESODI, SFRUTTAMENTO DI PERSONE, NUOVE SCHIAVITU’

Sembra ormai assodato che le forze speciali SAS sono già in Libia, per preparare l’arrivo di mille soldati britannici.

L’operazione complessiva, capitanata dall’Italia, dovrebbe coinvolgere seimila soldati americani ed europei per bloccare i cinquemila soldati dell’Isis.

(altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus