Cluster bombs: al bando entro 2008, ma non per Usa, Russia e Cina

Ben 46 dei 49 paesi partecipanti alla Conferenza Internazionale hanno infatti concordato una dichiarazione d’intenti che li impegna entro il 2008 a concludere un nuovo Trattato che proibisca “l’uso, la produzione, la vendita e le scorte di cluster bombs (bombe a grappolo) che causano danni così inaccettabili ai civili”. La dichiarazione invita anche i vari Paesi del mondo a mettere immediatamente al bando le bombe a grappolo, anche prima della formale entrata in vigore dell’accordo. (altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

Russia: arsenale nuovo a metà. Operazione da 189 mld $ entro il 2015

Mosca, appena appresa la notizia dell’esistenza dello “space shield”, in un primo momento minaccia di uscire dal trattato per l’eliminazione dei missili nucleari e corto e medio raggio e parallelamente chiede agli Stati Uniti di firmare un trattato di non aggressione. Poi corre ai ripari, annunciando la settimana scorsa un programma di rinnovo di circa la metà del proprio arsenale ed equipaggiamento militare.

(altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

Forze Armate e Marina indiane nel portafoglio Finmeccanica

18 febbraio 2007

DAL NOSTRO INVIATO NEW DELHI

Finmeccanica lascia la capitale indiana con in tasca un memorandum di intesa con la Bharat Heavy Electricals (Bhel), uno degli undici accordi annunciati da Prodi e Montezemolo ma, soprattutto, “porta a casa” una serie di accordi per diventare uno dei fornitori ufficiali dell’ esercito indiano. Pier Francesco Guarguaglini, numero uno del gruppo italiano di alta tecnologia controllato dal Tesoro, fa parte di quella sorta di club formato dai venti maggiori Ceo (amministratori delegati e imprenditori) italiani e indiani che si sono impegnati a rendere sempre più facile l’ interscambio commerciale e non solo tra i due Paesi. E anche Guarguaglini è convinto che l’ ultima missione di governo e imprese in India, conclusa giovedì scorso, abbia segnato una “svolta” nelle relazioni industriali. Cosa significano questi accordi “supplementari”? «La settimana prossima dovremmo chiudere questo deal, si tratta della prima tranche di una commessa da 200 milioni di euro. (altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus