zanotelli marco protesta

Padre Alex Z. a Marco e gli articoli dei giorni della protesta

«Non possiamo lasciare i profughi nelle gabbie»  Padre Zanotelli  «Ogni persona ha uno spazio di soli tre metri quadrati. Provincia e Comune devono intervenire subito». A seguire altri articoli dei giorni seguenti con la visita del Vescovo don Lauro Tisi e dell’Assessore della Provincia di Trento Luca Zeni. Molto interessante anche la posizione del circolo PD di Rovereto.

Tratto dal quotidiano ‘Trentino’ dell’8 gennaio 2018

ROVERETO. «Dopo la protesta non è cambiato nulla. Ma una soluzione non la deve trovare Cinformi. Deve essere la politica, devono essere gli amministratori provinciali e comunali, ad assumersi le proprie responsabilità e ad intervenire subito…» Padre Alex Zanotelli, missionario comboniano protagonista di molte battaglie in difesa dei più deboli, ieri è tornato al campo di accoglienza di Marco dopo la protesta di mercoledì. E come allora, anche ieri ha voluto incontrare i profughi, parlare con loro, ascoltare le loro richieste e verificare se e cosa fosse cambiato. «Non è stato fatto minimamente nulla come mi è stato detto e come ho potuto verificare. Sono rimasto molto perplesso – afferma padre Zanotelli – dal commento dell’assessore provinciale Luca Zeni quando ha parlato di questa gente che sta cercando comfort. Ma si rende conto della situazione in cui vivono ammassate queste persone? E’ incredibile questo ingabbiamento, perché questi container sono delle vere gabbie in ognuna delle quali vivono 16 persone. Un sovraffollamento illegale. Vorrei ricordare che l’Unione Europea ha condannato l’Italia per il sovraffollamento delle carceri considerato che per detenuto ci sono 5 metri quadrati. Qui abbiamo calcolato che ogni persona ha al massimo la disponibilità di 3,2 metri quadrati. Una situazione intollerabile, che può essere comprensibile soltanto in situazioni di grave emergenza, ma qui questo ammassamento dura da un anno e mezzo, quasi due».

E se qualcosa di positivo non manca («il fatto, ad esempio che siano loro a cucinare o che abbiano realizzato loro stessi di tavoli o altri lavori»), una risposta ad una «situazione grave e drammatica» la deve dare la politica. «Mi hanno detto – puntualizza padre Alex – che l’unica cosa ottenuta è un incontro fissato per giovedì alle 14 con una certa Elena di Cinformi. Potrà ascoltarli, ma non può decidere. Per questo ho detto loro di parlare con chi può fare qualche cambiamento come l’assessore provinciale Zeni. E anche il sindaco e l’assessore ai servizi sociali di Rovereto vadano a visitare il campo per rendersi conto della situazione. Un loro impegno può servire a migliorare le condizioni di questa gente».

 

BREVE RASSEGNA STAMPA ONLINE

23 gennaio 2018

Al campo di Marco l’umanità è sospesa 

In 237 aspettano da quasi due anni il “verdetto” sulla loro condizione di profughi. Trascinando le giornate nel nulla

di Luca Marsilli

 

 

25 gennaio 2018

«In 14 in un container: questa non è vita» 

Tisi e i profughi: «Quello che abbiamo visto si commenta da solo. Non si può continuare a vivere in queste condizioni»

di Giancarlo Rudari

 

 

Marco di Rovereto: il vescovo di Trento in visita al campo profughi

Monsignor Lauro Tisi: “Situazione di emergenza. La Diocesi metterà a disposizione altri 22 posti”

 

 

«Marco, il campo somiglia ad un ghetto» 

Duro il Pd roveretano anche con la Provincia: «Va migliorata la qualità della vita delle persone che sono ospitate»

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus