Appello – agosto ’06 – Quali condizioni e garanzie irrinunciabili per una Forza d’Interposizione in Medio Oriente?

Appello agosto 06 quali

 

Quali condizioni e garanzie irrinunciabili per una Forza d’Interposizione in Medio Oriente?

embra essersi formato un consenso generale sull’opportunità/necessità che l’Italia partecipi alla Forza Internazionale di Interposizione in Libano. È indubbio che per arrestare la spirale di violenza che sempre più insanguina il Medio Oriente, e si estende pericolosamente al resto del mondo, sia più che mai necessario un impegno attivo della comunità internazionale, sotto la guida dell’Onu.

L’esito di un tale impegno dipende tuttavia in modo determinante dalle condizioni in cui verrà attuato e condotto. Sembra più che mai necessario richiamare l’attenzione del Governo, del Parlamento e di tutti i cittadini su alcuni punti molto delicati. (altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

TrashArt a Mescolanze. Carrello Meno plastica! Meglio l’acqua da rubinetto

Trash art a Mescolanze

 

 

È necessario sfatare il mito che l’acqua in bottiglia sia più salubre di quella del rubinetto! Ci sono molti pregiudizi creati dalla martellante campagna pubblicitaria ingannevole e dalla cattiva informazione dei cittadini: l’acqua del rubinetto è sempre in pressione, scorre e si rinnova di continuo, mentre quella in bottiglia rimane ferma per mesi e se mal stoccata (al caldo o al sole) è possibile la contaminazione da polimeri rilasciati dalla bottiglia di plastica surriscaldata. (altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

Libano: ‘sospendere l’accordo di cooperazione militare’

“Al Governo Italiano si richiede un segno efficace verso la pace interrompendo l’accordo di cooperazione militare con Israele approvato nel maggio 2005 e di farsi portatore in ambito internazionale di un immediato embargo di armi delle parti in conflitto”. Questo punto è parte delle richieste fatte al Governo Prodi dalla delegazione di organizzazioni della societa’ civile italiana da pochi giorni tornata dal Libano. Nel documento di sintesi si rilancia alla società civile italiana la richiesta di riprendere con forza una mobilitazione per la pace in Medioriente. Sabato 12 agosto un convoglio umanitario guidato dalla società civile libanese e internazionale, partirà da Beirut alle 7 di mattina alla volta di Tiro, per portare aiuti alle popolazione colpite del sud. E’ la prima azione di interposizione autorganizzata dalla società civile, per fermare la guerrra, che partirà da Beirut per il sud, sfidando le bombe. (altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

Ispezione dei Cittadini alla Base Usaf di Aviano

Quasi contemporaneamente, l’ingresso della Base è stato completamente chiuso, ed il traffico in entrata ed uscita è stato deviato su altri ingressi secondari, cosicché quando, alle 10.00 in punto, la delegazione di 10 ‘Ispettori Civili’ ha attraversato la strada e si è portata in prossimità dell’ingresso ha trovato di fronte a sé il portone blindato e, dall’altra parte della rete di protezione, il comandante italiano dell’Aeroporto, col. Sardo. (altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

Per un cessate il fuoco in Medio Oriente!

PER UN CESSATE IL FUOCO
Ma quanto sappiamo veramente su questa nuova guerra, sulle motivazioni profonde e lontane, sui reali obiettivi?
Ci rendiamo conto che le cause vanno aldilà degli avvenimenti contingenti e locali (rapimenti dei soldati, risposta ai missili); stanno dentro un quadro molto più vasto e complesso che è difficile cogliere attraverso l’informazione quotidiana. La tragicità degli eventi bellici, l’orrore e la pietà per le vittime (civili in stragrande minoranza) occupano la scena e monopolizzano giustamente la nostra attenzione oscurando però la dimensione delle strategie a lungo termine, degli interessi economici, degli equilibri geopolitici. (altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus