19 marzo: giornata internazionale contro la guerra

19 Marzo giornata internazionale

 

La mobilitazione parte dal convincimento che la guerra, se si prepara, prima o poi la si fa, e che la sua preparazione inizia nelle fabbriche d’armi, nei trattati militari, nei programmi politici dei partiti, nelle strategie delle multinazionali e delle società finanziarie. Occorre riprendere un percorso di opposizione diffusa alle politiche di guerra e di violenza. Per questo a livello internazionale Lilliput promuove la manifestazione europea di Bruxelles per un’Europa sociale di Pace contro la guerra.

Per questo a livello locale Lilliput sarà in piazza a Torino, Milano, Trento, Genova, Roma, Bari e nella Valsangone (To). Sul sito www.retelilliput.it verranno segnalate le informazioni sulle altre iniziative organizzate in queste ore. (altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

Adesione della Assodipro – Forze Armate all’appello

Ribadisce il pericolo che corrono in Italia:
– la DEMOCRAZIA in presenza di una censura dell’informazione;
– la SOCIETA’ con il Rafforzamento dei Tribunali Militari e la cosiddetta Giurisdizione
Speciale che causa separazione tra le Forze Armate e la Società Civile;
– la PACE perchè dichiarare “Il TEMPO DI GUERRA” da parte del Governo piuttosto che
del Parlamento rende più facile l’utilizzo della forza e della guerra per la soluzione di
problematiche internazionali.
– la GIUSTIZIA in quanto distinguendo tra cittadini destinati ad un Giudice ordinario ed
altri a quello militare si perde il principio costituzionale di uguaglianza e proporzionalità. (altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

Pressione email sul ritorno alla Camera della delega

Lunedì 7 marzo è prevista la discussione alla Camera del progetto di legge delega per la revisione dei codici militari penali. Dopo una raccolta di più di mille e seicento firme sull’appello per fermare questa riforma, le organizzazioni promotrici della campagna rilanciano una pressione email verso i deputati che lunedì si troveranno a discutere e forse votare il testo di riforma.

L’invito a tutti i gruppi e gli aderenti e quello di copiare il testo base che trovate nell’articolo e inviarlo alle email dei parlamentari che trovate nell’articolo suddivise per blocchi. A questa pressione la presenza fisica che da lunedì e per i giorni necessari verrà portata davanti a Montecitorio con volantinaggi pubblici. Naturalmente in caso di voto saranno pubblicati sul sito della campagna i tabulati delle votazioni con i nomi dei vari parlamentari. (altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus