Concerto di “Aglie e fravaglie” al Presidio Permanente (32° giorno)

Ciascun artista porta nel gruppo culture e tradizioni differenti che, mescolandosi, creano un orizzonte musicale in cui la danza delle pizziche (Stella lucente) e delle tarantelle (‘O Guarracino, Tarantella del Gargano) si alterna alle ballate lente (Canzone del pescatore, Daily growing), alle gighe (Tickle her leg) o ai canti di amore (Fenesta vascia, Riturnella, U rusciu te lu mare, Kali Nitta) e di guerra (Canto dei sanfedisti).

Il canto e il ritmo tendono così a fondersi con la danza che, attraverso il movimento del corpo, esprime simbolicamente ora il morso della tarantola ora la passione per la vita e la libertà. (altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

Per una Finanziaria di Pace

Per una finanza di pace

 

 

Tra le proposte ci sono iniziative di informazione e pressione attraverso incontri e azioni nonviolente, quali il digiuno organizzato.

Padre Angelo Cavagna ha deciso di riprendere il “Digiuno rigoroso a tempo indeterminato salvo la vita” dal 22 ottobre con l’inizio della discussione parlamentare della legge Finanziaria. (altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

Il 12-10 concerto del Dragan Trio al Presidio per il ritiro

Martedì 12 ottobre alle ore 21.00 si terrà al presidio permanente e nonviolento “STIAMO, per andar via!” un concerto per il ritiro delle truppe italiane dall’Iraq. Il Dragan Trio, e’ un quartetto da strada e da camera naturalmente orientato verso est ma aperto a ogni genere di contaminazione. Il Klezmer e la musica balcanica nelle sue varie forme come solido retroterra
musicale e culturale su cui poi innestare brani propri, di tradizione jazz o
classica: questo e’ il viaggio del Dragan Trio, una vera trasvolata musicale
all’insegna dell’ironia e della spontaneita’, della freschezza e della
contaminazione tipiche delle “gypsy band”. (altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

Emozionante concerto al Presidio Permanente a Palazzo Chigi

Il concerto e’ si e’ potuto realizzare grazie all’adesione spontanea di alcuni musicisti del teatro “La Fenice” di Venezia e dell’orchestra di piazza Vittorio, Nicola Boscaro al violoncello, Sara Michieletto e Gix ai violini, Roberta Rapparini al flauto, Ziad Trabelri a voce e Ud, Amer Abdelmoumen alle percussioni arabe, hanno eseguito brani tradizionali Klezmer, Palestinesi, di musica contemporanea della scuola veneta e di musica nordafricana con la collaborazione di Enrica Palmieri con le sue suggestioni coreografiche. (altro…)

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus